Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Non si fa abbastanza
contro le molestie
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il pensionato tradito
dall'attempata escort
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

BENESSERE di Andrea Stern
Immagini articolo
Il matrimonio e il lavoro
causano chili di troppo
Andrea Stern


Di sesso maschile, sposato, lavora più ore della media ma guadagna di meno. È questo il profilo di chi è in sovrappeso in base ai risultati della Rassegna sulla nutrizione in Svizzera 2019 commissionata dall’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). "Basti vedere quanti uomini non riescono più a indossare l’abito del loro matrimonio - sottolinea la dietologa Pamela Beltrametti -. Ma ciò non si spiega con un peggioramento delle abitudini alimentari, bensì con un cambiamento dello stile di vita". L’anello al dito porta ad essere più sedentari, ma anche a modificare i propri obiettivi di vita. Buona parte del tempo che prima si dedicava a se stessi lo si consacra alla famiglia.  "Lo stesso discorso vale anche per le donne - prosegue Beltrametti -. Anche loro hanno meno tempo libero dopo il matrimonio e soprattutto dopo la nascita dei figli. Ma solitamente le donne fanno più attenzione alla loro immagine corporea e di riflesso alla loro alimentazione".
Il matrimonio fa ingrassare, dunque. Ma non ci si illuda che il divorzio sia la soluzione per ritrovare il peso forma. Al contrario, in particolare tra gli uomini divorziati lo studio registra una percentuale di obesi più alta della media. "Bisogna anche evidenziare - afferma Beltrametti – che generalmente il peso aumenta con l’età. Il matrimonio influisce, ma vi sono anche numerosi altri fattori".
Tra questi fattori "ingrassanti" vi è la povertà, o meglio la difficoltà di far quadrare i conti. Un problema con cui spesso si scontrano i padri divorziati, ma non solo. "Nel mio studio – nota la dietologa – ricevo molti clienti che sono in disoccupazione o in assistenza. Hanno disponibilità economiche limitate e quindi fanno la spesa nei discount o appoggiandosi al Tavolino Magico. Per carità, quest’ultimo è un servizio utilissimo e viene fatto un grande lavoro per cercare di diversificare l’offerta. Ma non sempre c’è disponibilità di frutta, verdura e più in generale di cibi freschi. Può capitare che una persona vada avanti una settimana a pasta e würstel". Non certo la più sana delle alimentazioni. Ma mangiare in modo variato costa. "Nei casi di persone con scarsi mezzi finanziari - prosegue Beltrametti - la sfida è trovare una dieta equilibrata che possa essere affrontata con un budget ridotto".
Un altro aspetto che caratterizza le persone sovrappeso è un consumo di bevande alcoliche superiore alla media. Circa 16,7 grammi di alcool al giorno rispetto ai 12 grammi delle persone normopeso. "Anche in questo caso - sostiene Beltrametti - si può trovare una correlazione tra il consumo e le condizioni economiche. Le persone benestanti tendono a bere vini di qualità, ma in quantità moderate. Tra le persone disagiate non sono pochi invece quelli che consumano alcolici, chiaramente a buon mercato, per trovare conforto". In ogni caso, sottolinea Beltrametti, ancora una volta le statistiche smentiscono le affermazioni dei cittadini. "In Svizzera diciamo tutti che beviamo poco - nota -, ma in realtà di alcol se ne consuma ancora molto".
Lo studio non ha invece trovato un legame diretto tra tabagismo e sovrappeso. "È fisiologico che chi smette di fumare aumenta di peso - spiega -. Per questo vedo tante persone che hanno paura di abbandonare la sigaretta. D’altro canto chi fuma tende a fare meno sport. È quindi difficile trovare una chiara correlazione tra le due cose". Infine lo studio evidenzia che praticamente tutti in Svizzera sono a conoscenza delle regole dell’alimentazione sana. "La sensibilizzazione funziona", evidenzia Beltrametti. Non tutti però mettono in atto queste regole, nemmeno le persone normopeso. A titolo di esempio, solo il 14,4% della popolazione segue la raccomandazione di mangiare almeno cinque porzioni al giorno di frutta e verdura.
astern@caffe.ch
20-01-2019 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14