function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Altri articoli
di 0
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
BENESSERE di Patrizia Guenzi
Immagini articolo
Un miliardo di troppo
per le analisi del sangue
Patrizia Guenzi


Una cifra a nove zeri. Una cifra importante, soprattutto perché potrebbe essere risparmiata, ogni anno, dagli assicurati. Si parla di un miliardo. Un miliardo di troppo speso per le analisi di laboratorio perché in Svizzera costano anche tre volte tanto rispetto ad altri Paesi europei. Un miliardo che potremmo economizzare - su una fattura totale di un quasi 1,5 miliardi di franchi - se solo le tariffe per le analisi del sangue venissero allineate a quelle praticate all’estero. Tanto per fare un esempio recente, il tampone per testare la positività al Covid a inizio epidemia costava 180 franchi (poi 95), in Germania 59 euro, circa 62 franchi. L’esame per la ferritina (ferro nel sangue) costa il doppio rispetto all’Austria, quello per il Psa (prostata) quasi tre volte tanto che in Germania. Pochi numeri, estrapolati dalla sessantina di "posizioni di analisi", le più frequenti, rimborsate dalle casse malati, contenute nel corposo studio di Santésuisse che il Caffè pubblica in esclusiva. "Le tariffe devono abbassarsi il prima possibile, è un diritto degli assicurati", dice al Caffè Markus Gnägi, economista della salute per Santésuisse.
Lo studio prende in considerazione 63 analisi di laboratorio e confronta le tariffe in vigore in Germania, Francia, Olanda e Austria. Gli esperti, attraverso delle proiezioni, hanno valutato il risparmio totale di cui la Svizzera potrebbe beneficiare praticando i prezzi medi dei laboratori europei. "Un potenziale di risparmio del 68% - si legge nello studio -, 1.003 milioni di franchi l’anno su una fattura totale di 1.469 milioni".
"Attraverso queste ricerche speriamo di spingere politici e autorità a trovare delle soluzioni per risparmiare, si parla di centinaia di milioni di franchi", aggiunge Gnägi. Alla fine dello scorso anno, il consigliere nazionale del cvp Chrisitan Lohr aveva presentato una mozione su questo tema (il Consiglio nazionale non ha ancora risposto).
Certo, in Svizzera tutta una serie di servizi sono più cari rispetto ad altri Paesi, non stupisce quindi più di tanto che anche per le analisi di laboratorio si paghi molto di più. Già nel 2008, in uno studio analogo in cui Santésuisse faceva un confronto internazionale dei prezzi con la Germania e l’Austria, emergeva che i costi nei due Paesi erano notevolmente inferiori. Situazione che, vista quest’ultima indagine, non è sostanzialmente cambiata. La Svizzera continua ad essere un’esosissima "isola", tanto che annualmente per la salute si spendono oltre ottanta miliardi di franchi.
Nello studio si sono prese in considerazione il prezzo delle analisi per il trattamento ambulatoriale; in caso di ricovero, il costo è incluso nella tariffa forfettaria. Gli esperti hanno valutato oltre milleottocento "posizioni" divise in capitoli: chimica, ematologia, immunologia, genetica, microbiologia e "generali". Tra il 2015 e il 2018 il volume dei costi è aumentato costantemente, attorno al 31%, da 1,554 miliardi a 1,808 miliardi circa.
Una soluzione per il caro analisi potrebbe essere allentare il "principio di territorialità", come si vorrebbe fare per i farmaci garantendone il rimborso anche se acquistati all’estero. In questo modo la Svizzera sarebbe "obbligata" a rivedere le sue tariffe.
pguenzi@caffe.ch
11-07-2020 23:30


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00