Dello stesso autore
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Chiara Saraceno
Chi è
È' una delle sociologhe italiane di maggior fama. Attualmente è honorary fellow al Collegio Carlo Alberto di Torino.
Un assegno di 3500 franchi una tantum può certamente servire a coprire i costi iniziali che comporta l’arrivo di un figlio: carrozzina, vestiti, pannolini, ecc. Non sono, ovviamente, un incentivo sufficiente a incoraggiare ad avere un figlio chi lo desidererebbe, ma ritiene di non poterselo permettere. I figli, infatti, costano, richiedono, denaro e tempo. Mentre il costo in denaro tende ad aumentare, insieme ai bisogni, man mano che i figli crescono, quelli di tempo diminuiscono dapprima molto lentamente, poi più velocemente. Ma gli effetti del tempo investito nella cura ed educazione, certamente per lo più positivi per il benessere dei figli, sono spesso negativi per le capacità di guadagno a medio e lungo periodo di chi, in larga maggioranza le madri, vi si è dedicato.
Questo doppio, e differenziato per gli uomini e le donne, costo della scelta di procreazione, emerge in modo particolarmente esplicito oggi, in società  ove le aspettative di uguaglianza tra uomini e donne e il desiderio, ma anche la necessità, delle donne di contare su un grado di autonomia economica, la maggiore vulnerabilità ai rischi di povertà  delle famiglie monoreddito con figli, si scontrano con un contesto economico divenuto più insicuro anche per gli uomini, indebolendo per ampi strati della popolazione, specie più giovane, la possibilità  di fare progetti di vita a medio-grandi lungo termine. Ma decidere di avere un figlio è appunto, un progetto a lungo termine.
Per ampliare i gradi di libertà rispetto alla decisione se e quando avere o meno un figlio (in più) occorrono condizioni, e politiche, che sostengano la capacità di progettare, è investire, nel futuro. Per rimanere nel campo dei trasferimenti monetari, più che assegni, anche generosi, una tantum, sono importanti assegni continuativi, che sostengano nel tempo il costo dei figli. Sul versante del costo del tempo dedicato alla cura dei figli, occorre favorirne la redistribuzione da un lato tra padri e madri, dall’altro tra famiglia e società, tramite servizi di cura ed educazione anche per i più piccoli di buona qualità ed accessibili anche a chi ha risorse modeste o scarse. In entrambi i casi se ne avvantaggerebbero anche, se non soprattutto i bambini. Perché avrebbero a disposizione più tempo paterno e perché il loro sviluppo non sarebbe determinato univocamente dalle risorse materiali, culturali, relazionali, delle famiglie in cui sono nati.
La preoccupazione per le disuguaglianze sociali tra bambini e l’impatto che esse hanno sul loro sviluppo nel medio e lungo termine, dovrebbe, in effetti, accompagnare e informare qualsiasi politica di sostegno alla natalità.
24-09-2017 01:00



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00