Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

FUORI DAL CORO di Giò Rezzonico
Immagini articolo
Le elezioni politiche
decisive per tutti noi
Giò Rezzonico


Con le elezioni europee, che si terranno dal 23 al 26 maggio, ci apprestiamo a vivere una settimana importante non solo per i 28 paesi membri ma anche per noi svizzeri. Sono infatti in gioco due visioni contrapposte: da una parte la spinta per un’Europa che completi la sua unione politica ed economica e dall’altra un’Ue degli stati che mettono in comune pochissime cose e si chiudono su se stessi. La sfida è storica e per questo non possiamo osservarla senza una profonda preoccupazione. Il rischio, in questa contesa tra partiti storici e nazionalisti-sovranisti, è che "si dimentichi o si sottovaluti il risultato più importante dell’alleanza tra i Paesi europei: 74 anni di pace e la capacità di attrarre Paesi confinanti desiderosi di fare parte di un’area di diritti, pace e stabilità. Nella storia del Vecchio Continente è il periodo più lungo senza conflitti tra i 28 stati membri". Con queste parole Francesca Basso chiude il suo interessante saggio "L’Europa in 80 domande" in vendita in edicola assieme al "Corriere della Sera". Sulla stessa testata l’ex premier italiano Mario Monti, nell’editoriale di domenica 12 maggio, ammonisce: "Nel decidere il voto, i cittadini di tutta l’Ue farebbero bene a porsi il tema della pace o dei conflitti. Sembrava relegato nel passato, ma rischia di essere il tema più serio del futuro". Cosa accadrebbe - si domanda in seguito l’editorialista - se dovessimo assistere a una maggioranza sovranista nel parlamento europeo? "Arrivati al potere - osserva Monti - i sovranisti-nazionalisti non si limiterebbero a bloccare l’avanzamento della costruzione europea …. Ma vi è il rischio - storicamente quasi ineluttabile - che, non avendo più da rivolgere contro Bruxelles le bandiere nazionali, tornino a fare quello che tanto spesso i nazionalisti hanno fatto: dirigere quelle bandiere contro altri Paesi, a cominciare da quelli che facevano parte dell’Ue".
Se si è venuta a creare questa delicata situazione politica non si può certamente affermare che "l’Europa sia immune da colpe - come osserva Luciano Fontana nella prefazione al saggio sopra indicato - così come è falso che tutte le responsabilità siano sue". Un’eccessiva rigidità nell’affrontare la dura crisi economica 2008-2018, con il caso limite della Grecia, e l’incapacità di trovare una soluzione solidale tra i 28 paesi membri all’emergenza dei migranti non sono state mancanze di poco conto e "giustificano ampiamente il desiderio di rinnovare completamente il processo di integrazione, le strutture e le politiche dell’Unione. Ma pensare - conclude Fontana - che si possa tornare a un Eldorado nazionale fatto di frontiere chiuse, monete nazionali, dazi e isolazionismo è una ricetta illusoria, oltre che dannosa". Le politiche protezionistiche del governo americano di Trump e la tormentata Brexit lo dimostrano. Tanto che "paradossalmente - come ha scritto Paolo Mieli nell’editoriale del 17 maggio sul "Corriere della Sera" - si può sostenere che l’Europa sia uscita rinvigorita" da uno degli eventi più traumatici della sua storia consumatosi tre anni fa in Gran Bretagna.
19-05-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è