L'allarme per le norme inadeguate dopo il caso Khan
"Non abbiamo i mezzi
contro lo spionaggio"
ANDREA STERN


Lo spionaggio è molto più diffuso di quanto si pensi e la Svizzera non ha i mezzi per contrastarlo, sostiene l’avvocato ed ex procuratore pubblico Paolo Bernasconi. "Quanto accaduto a Zurigo - afferma - dovrebbe servirci ad aprire gli occhi. Nel sistema penale svizzero ci sono delle lacune che favoriscono il proliferare dello spionaggio".
Il caso di Iqbal Khan, il manager di cui Credit Suisse avrebbe chiesto il pedinamento, è piuttosto anomalo. "Non ho mai sentito - dice Bernasconi - di banchieri spiati dal proprio datore di lavoro o da un concorrente. Sono però già emersi parecchi casi di cittadini cinesi, russi o turchi che vengono sorvegliati su territorio svizzero da parte dei regimi dittatoriali dei loro Paesi. La diffusione sistematica dei nuovi strumenti di spionaggio non fa che accrescere questo fenomeno, che in buona parte resta sommerso".
Bernasconi sostiene che queste pratiche sono "un grande pericolo" per la Svizzera e che per contrastarle occorrerebbe innanzitutto la volontà di farlo, ma anche un cambiamento a livello legale. "Nel sistema penale svizzero manca il reato specifico di stalking - osserva Bernasconi -, ossia il pedinamento sistematico e molesto. Manca anche il reato di infiltrazione nella sfera privata mediante sistemi di controllo informatico, come può essere ad esempio il Gps sul veicolo della persona controllata. Inoltre la legislazione federale svizzera sulla protezione della personalità e dei dati personali è ancora insufficiente riguardo alla punibilità della violazione della sfera privata da parte di agenzie investigative".
È quindi quasi fin troppo facile fare la spia in Svizzera, dove tra l’altro l’attività di controspionaggio non è particolarmente sviluppata. Il Servizio svizzero delle attività informative  dispone di un budget inferiore agli 80 milioni di franchi e di competenze molto più limitate rispetto ai servizi di intelligence di altri Paesi. È forse questo un altro motivo per i quali la Svizzera si rivela un terreno molto fertile per le attività di sorveglianza. Il caso di Iqbal Khan non fa altro che confermarlo.
29.09.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00