function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

L’obbligo dei vaccini per ridurre i costi economici e sociali
Non assicurano ancora
alcuna immunità di gruppo
ROBERTA VILLA, MEDICO DIVULGATORE


In molti Paesi, Svizzera compresa, si è discusso se il vaccino contro Covid-19, quando arriverà, dovrà essere reso obbligatorio per proteggere la collettività intera dalla pandemia. Dai dati finora disponibili non sembra però che i primi prodotti che arriveranno sul mercato avranno la capacità di indurre quella che viene chiamata "immunità di gruppo" o, con una metafora non molto felice, "immunità di gregge", una protezione diffusa che crea una sorta di barriera a tutela dei più fragili, di chi non è ancora vaccinato o di coloro in cui la vaccinazione non ha suscitato una risposta sufficientemente vivace.
La protezione che potranno conferire, tra l’altro solo in una porzione dei vaccinati, probabilmente sarà solo individuale, per cui un obbligo non potrebbe essere giustificato dall’interesse della comunità, se non quello di ridurre i costi economici e sociali dell’assistenza.
Entrambi i vaccini già prenotati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) sono inoltre stati realizzati con metodi completamente innovativi. Per quanto le sperimentazioni in corso e altre condotte in passato su prodotti simili siano rassicuranti, la prudenza suggerisce di evitare di imporli.
D’altronde, soprattutto per i primi mesi, e in particolare se all’inizio sarà approvato uno solo dei candidati, il problema potrebbe essere il contrario,  quello cioè di una domanda da parte del pubblico, ansioso di mettersi la pandemia dietro le spalle, molto superiore all’offerta disponibile di vaccini.
Anche in Svizzera, come negli altri Paesi, si dovranno quindi stabilire delle priorità, identificando le categorie che per prime dovrebbero riceverlo: in genere si considerano le forze dell’ordine, gli operatori sanitari, altri lavoratori in settori strategici essenziali. Subito dopo si dovrebbero proteggere le categorie a rischio, anziani e portatori di malattie croniche, e solo alla fine la popolazione generale. Ma anche queste decisioni dipenderanno dalle caratteristiche che emergeranno dalle sperimentazioni. Finché i vaccini non avranno passato tutti i test, con certezza non si può affermare nulla.
31.10.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Falliti gli obiettivi Onu
su sostenibilità e salute
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Anche la pista siriana
dietro la strage di Beirut
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Armenia,
l’opposizione
in piazza
contro il governo

L’omaggio
dei moscoviti
a Boris
Nemtsov

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00