function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il 2019 porta con se molti nuovi aggravi in vari ambiti
Immagini articolo
Gli aumenti di spesa
colpiscono le famiglie
ANDREA STERN


Dai rifiuti all’elettricità, passando per l’immancabile cassa malati. La vita per le famiglie è sempre più cara. E se è vero che i prezzi di molti prodotti e servizi che gravano sul bilancio domestico sono rimasti immutati, o quasi, alcuni invece costeranno di più. D’altronde nel 2018 in Svizzera si è registrata la più alta inflazione dell’ultimo decennio, in particolare a causa dell’aumento del costo dei prodotti petroliferi e degli affitti delle abitazioni. E per l’anno appena iniziato le premesse non sono delle migliori. Oltre ai premi di cassa malati, che in Ticino sono cresciuti in media del 2,5%, in numerosi altri ambiti le famiglie (o chi vive solo) dovranno sborsare di più.
Da gennaio, ad esempio, Postfinance applica tutta una serie di tasse per servizi che in precedenza erano gratuiti. Cinque franchi al mese per la gestione del conto, un franco al mese per gli estratti in formato cartaceo, quattro franchi per la richiesta di informazioni sul saldo per telefono o allo sportello. Inoltre, i clienti commerciali che beneficiavano di due Postfinance Card gratuite, devono oggi pagarle 30 franchi l’una. Da gennaio sono aumentati anche i costi delle spedizioni nazionali e internazionali con Dhl Express, in media del 3,9%. Magra consolazione, almeno la Posta ha deciso di rinviare il previsto aumento delle tariffe per le lettere e i pacchi, grazie a un accordo con il sorvegliante dei prezzi. Ma se ne riparlerà nel 2020.
Pericolo scampato, almeno per ora, anche per chi viaggia in aereo. Nel dicembre scorso il parlamento ha bocciato la proposta di introdurre una tassa "ecologica" sui biglietti. Si parlava di un massimo di 30 franchi per i voli continentali e di 50 per gli intercontinentali. Ma, per non penalizzare gli aeroporti svizzeri rispetto a quelli dei Paesi confinanti, non se n’è fatto più niente. Nel contempo il parlamento ha però approvato un futuro incremento di 8 centesimi del costo della benzina e del diesel, con lo scopo di ridurre le emissioni di anidride carbonica e rispettare così gli accordi di Parigi sul clima.
Sempre con l’obiettivo di tutelare l’ambiente, quest’anno in Ticino entra in vigore anche la tassa cantonale sul sacco dei rifiuti. Entro la fine del mese di giugno, tutti i comuni dovranno adattare i propri regolamenti per introdurre il "principio di causalità". Il Consiglio di Stato ha indicato le tariffe da applicare, che per il sacco da 35 litri vanno da 1 franco a 1 franco e trenta. Un risparmio per coloro che finora pagavano di più, ma un aggravio di spesa per chi vive nei 66 comuni dove finora i sacchi per la spazzatura non erano soggetti a tassa. Una misura, questa, che tuttavia non piace a molti ed è stata contestata.
Dal market alle fatture per i servizi sino alla sanità, la lista dei rincari si allunga. Quest’anno aumenta pure la bolletta dell’elettricità, seppur in modo contenuto. La Società elettrica Soprecenerina ha stimato una maggiore spesa di 3 franchi al mese per un’economia domestica media. Le Aziende industriali di Lugano parlano di 15 franchi all’anno in più, l’Azienda multiservizi di Bellinzona di 24 franchi, le Aziende industriali di Mendrisio di 30 franchi, sempre su base annua.
Vi è tuttavia, fortunatamente, anche l’altra faccia della medaglia. Quella degli aumenti che vanno a vantaggio delle famiglie. Per esempio dei neogenitori, cui da quest’anno il Cantone elargisce un bonus bebè di 3mila franchi. soldi che figureranno alla voce entrare nei bilanci domestici. E ci sono buone notizie anche per i lavoratori, le cui remunerazioni sono generalmente rimaste al palo negli anni. Per il 2019 gli economisti di Credit Suisse prevedono un aumento dell’1% dei salari nominali e dello 0,3% dei reali.
Infine, sempre per quanto riguarda le spese dei bilanci familiari, va evidenziata la riduzione del canone radiotelevisivo, che da quest’anno costa 365 franchi anziché 451. Un cambiamento in controtendenza che può solo essere accolto con piacere in un mondo dove tutto diventa più caro. Anno dopo anno.

astern@caffe.ch
13.01.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00