function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Anche Novartis si è lanciata nella corsa all'oro verde
Immagini articolo
La guerra tra giganti
per la canapa medica
ANDREA STERN


Scordatevi il gruppetto di amici che si ritrova al parco per fumarsi una canna. Ora sono le multinazionali ad aver messo le mani sul prezioso oro verde. Gruppi che valgono miliardi come l’olandese Heineken o le statunitensi Altria (il gruppo che controlla Marlboro) e Ab InBev (leader mondiale della birra). E dallo scorso mese di dicembre anche la svizzera Novartis, la cui filiale Sandoz ha stretto un’alleanza con la società canadese Tilray, specializzata nella produzione di olio e fiori di cannabis.
"È un’ottima notizia - commenta il dottor Werner Nussbaumer -. Io sono stato un precursore nella somministrazione di marijuana, se ora anche l’industria chimica mi segue vuol dire che avevo ragione. Vuol dire che hanno capito che in molti casi la canapa è molto più efficace dei normali medicinali, oltre a costare molto meno". Fino a dieci volte meno, sottolinea colui che è stato definito il "dottor canapa" per il suo impegno in questo ambito. "Inoltre l’entrata in campo di un gigante come Novartis - aggiunge Nussbaumer - velocizzerà sicuramente il processo che porterà le casse malati a rimborsare i prodotti a base di canapa. A vantaggio di tutti i cittadini".
Verosimilmente tra un paio di anni (vedi articolo a fianco) sugli scaffali delle farmacie si troverà quindi cannabis con effetto psicotropo, vale a dire con più dell’1% di tetraidrocannabinolo (Thc). Ma, attenzione, potrà essere usata solo a scopo medico. "Noi stessi siamo contrari alla vendita di canapa a uso ricreativo in farmacia - sostiene Sergio Regazzoni, presidente dell’Associazione cannabis ricreativa Ticino -. In farmacia si acquistano le medicine". Detto ciò, anche Regazzoni saluta positivamente l’iniziativa di Novartis, la prima multinazionale del settore farmaceutico ad essersi lanciata nel mercato della marijuana. "È un messaggio in controtendenza con l’attuale società basata sulla chimica - afferma -. Poi chiaramente se hanno deciso di iniziare a vendere canapa medica è perché intravvedono un grande potenziale in questo ambito. Non lo fanno per filantropia ma per guadagnarci. Vogliono conquistare la loro fetta in un mercato per il quale tutti gli esperti prevedono una crescita esponenziale nei prossimi anni".
In altri Paesi questo fenomeno è già in atto. A titolo di esempio Regazzoni cita Israele, il cui ex primo ministro Ehud Barak ha recentemente partecipato al Forum economico di Davos (vedi articolo pagina a fianco) in veste di presidente di Intercure, società quotata in borsa che produce e commercializza canapa medica. "Lì a livello di ricerca e di diffusione della canapa medica sono all’avanguardia - nota Regazzoni -. È un bene che anche in Svizzera, dove esiste un grande know-how , si siano finalmente capite le grandi opportunità di questo settore".
Novartis non mira comunrque solo al mercato interno, ma a quello internazionale. "L’accordo con Tilray è un accordo vasto - ha spiegato il portavoce della società basilese, Satoshi Sugimoto, al quotidiano La Liberté -. Permette un’eventuale collaborazione in tutti i Paesi". Attualmente sono circa 35 quelli in qualche modo consentono la vendita di canapa a uso terapeutico. La Svizzera si appresta a seguirne l’esempio. "Bisogna anche dire - aggiunge Nussbaumer - che l’industria farmaceutica teme di perdere miliardi a causa del passaggio di molti pazienti dalle medicine tradizionali alla canapa".
Mentre quella del tabacco è confrontata con un calo della popolarità delle sigarette, almeno in Occidente. E quindi per mantenere i propri guadagni la soluzione è solo una, quella indicata da Giulio Cesare: se non puoi sconfiggere il tuo nemico fattelo amico.

astern@caffe.ch
03.02.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00