Nel 2018 il commercio estero ha registrato un record
Immagini articolo
Vola l'import ticinese
grazie ai gioielli arabi
ANDREA STERN


Gioielli per quasi sei miliardi di franchi dagli Emirati Arabi Uniti. È questa la voce di spesa che ha causato il sostanzioso aumento delle importazioni ticinesi nel 2018. Nel cantone sono giunte merci per un valore superiore ai 13,5 miliardi di franchi, il 47,5% in più rispetto al 2017. È un record storico. Solo una volta, nel 2010, era stata superata la soglia dei 10 miliardi. Quella dell’anno scorso è una vera e propria esplosione, determinata in gran parte da un anomalo flusso sull’asse Abu Dhabi-Bellinzona.
I dati sul commercio estero del cantone, forniti dall’Amministrazione federale delle dogane, sono inequivocabili. Nel 2018 le importazioni ticinesi dagli Emirati Arabi Uniti hanno avuto un valore superiore ai 5,7 miliardi di franchi. Più del doppio rispetto all’anno precedente e quasi quattrocento volte l’ammontare del 2016, quando le importazioni dal Paese mediorientale valevano ancora solo 15 milioni di franchi.
"Già in passato è capitato che si registrassero picchi di importazioni da un singolo Paese - spiega Paolo Malfitano, esperto di commercio estero dell’Istituto di ricerche economiche -. Non abbiamo ancora avuto modo di studiare questo flusso dagli Emirati Arabi Uniti, ma ricordo un esempio simile con il Vietnam. Solitamente le importazioni ticinesi dal Paese del sud-est asiatico sono irrisorie, ma nel 2010 schizzarono a un valore superiore ai 2 miliardi di franchi. Fu dovuto a un’azienda che importò un grande quantitativo di materie prime, che ha poi rivenduto".
Tuttavia il record dell’anno scorso non ha precedenti di dimensioni comparabili. A incuriosire è il fatto che la quasi totalità delle merci giunte in Ticino dagli Emirati Arabi Uniti rientra nella categoria "strumenti di precisione, orologi e gioielli". Un cantone svizzero che importa orologi è un po’ come un eschimese che acquista ghiaccio. Ma in questo caso occorre fare un distinguo. L’Amministrazione federale delle dogane spiega infatti che l’aumento è dovuto a un’importazione di gioielli. Per motivi di riservatezza non viene fornito il nome dell’importatore, ma si intuisce che la merce era destinata alla raffinerie del Mendrisiotto. Per essere fusa e trasformata in lingotti.
Di regola le importazioni di oro non rientrano nei dati del commercio estero svizzero. Da sole valgono parecchie decine di miliardi di franchi (l’anno scorso 36 miliardi di franchi per il solo Ticino), vista la presenza di alcune delle più importanti raffinerie al mondo. L’oro, che nel cantone è solo di passaggio, falserebbe le statistiche. Ma in questo caso il metallo prezioso è giunto sotto forma di gioielli. E quindi è stato incluso dall’Amministrazione federale delle dogane nelle importazioni dei beni di consumo.
Cade quindi l’ipotesi che i ticinesi siano improvvisamente diventati più ricchi e desiderosi di acquistare orologi e gioielli provenienti dagli Emirati Arabi Uniti. Il boom dell’anno scorso è legato a un evento puntuale e non corrisponde quindi a un aumento dei consumi. Va tuttavia notato che anche le importazioni dalla maggiorparte degli altri Paesi hanno segnato un aumento, in questi casi non legato alle raffinerie del Mendrisiotto. Dall’Italia, principale partner commerciale, sono giunte in Ticino merci per 4,2 miliardi di franchi, l’11% in più rispetto al 2017. Le importazioni dalla Germania sono valse 605 milioni, con una crescita del 15% rispetto all’anno precedente. Mentre lo "shopping" in Cina ha avuto un valore di 417 milioni, in aumento del 17%.

a.s.
03.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è