Da Tesserete a Chiasso, il Carnevale è festa per gli affari
Immagini articolo
Da carri e maschere
4 milioni a bar e aziende
ANDREA BERTAGNI


Oltre 4 milioni di franchi per bar, ristoranti, aziende e società sportive. Il Carnevale in Ticino è una festa anche per gli affari. Da Chiasso a Roveredo, da Bellinzona a Tesserete, il business del divertimento, che nessuno fino a oggi ha mai calcolato, è vero, concreto, reale. "In effetti girano davvero tanti soldi", ammette Livio Mazzuchelli presidente del carnevale Or Penagin di Tesserete, previsto il 7, l’8 e il 9 marzo. Denaro che le società che organizzano i festeggiamenti raccolgono dai biglietti e riversano nell’economia reale. Ma anche soldi che gli stessi avventori spendono nelle città del carnevale a beneficio di esercizi pubblici e aziende di trasporto. "A Tesserete si fa presto ad arrivare al milione di franchi - precisa Mazzuchelli - senza calcolare l’affluenza al corteo, che normalmente registra 6-7mila spettatori, di cui 3-4mila paganti, nelle tre serate di festa ci sono in media 15-18mila persone, ognuna delle quali spende almeno 20-50 franchi". Franchi che finiscono nelle "tendine", e quindi nelle società sportive e ricreative che le gestiscono, che grazie alla presenza all’Or Penagin finanziano le proprie attività per tutto l’anno. Per accorgersi che il denaro gira, secondo Mazzuchelli, basta guardare i bancomat del paese. "Ce ne sono due e c’è sempre un bel via vai, tanto che qualche anno fa, lo ricordo come fosse oggi, uno dei due apparecchi durante le sere del carnevale è rimasto senza contanti".
Anche a Locarno, alla Stranociada, che inizierà venerdì 1 marzo e terminerà sabato 2 marzo, sanno bene come maschere e costumi fanno felice l’economia. "Secondo i nostri calcoli arriviamo a circa 200mila franchi - spiega Mauro Trapletti, membro di comitato organizzatore - c’è infatti chi arriva e pernotta in albergo, chi si sposta in taxi, chi prende i mezzi pubblici e chi semplicemente spende per mangiare e bere". Oltre a ciò a beneficiare della Stranociada, sono le imprese che si occupano di sicurezza, di logistica, di stampa e di fornitura di bibite e generi alimentari. Un indotto di tutto rispetto, se si pensa che i festeggiamenti a Locarno durano meno di 24 ore. Per estensione si può quindi dire che l’evento locarnese distribuisce al territorio 138 franchi ogni minuto.
Scendendo a Sud, a Chiasso, la musica non cambia. "Nebiopoli rappresenta una ventata di aria fresca per i commercianti della cittadina - precisa Alessandro Gazzani, presidente del carnevale, che si terrà dal 28 febbraio al 5 marzo - non ho mai sentito nessuno lamentarsi". Anche a Chiasso, come a Locarno, gli organizzatori per mettere in piedi una festa che si rispetti si rivolgono spesso alle aziende locali. "Non soltanto per una questione di principio, ma anche e soprattutto perché sono più flessibili e ti danno più volentieri una mano", annota Gazzani. Le presenze sull’arco dei 6 giorni di divertimento sfiorano le 10mila persone. Se tutte spendessero 20 franchi si arriverebbe a 200mila franchi. Tutti soldi generati dalla presenza del carnevale, ma incassati dal territorio.
Stesso discorso a Roveredo, dove dal 19 al 24 febbbraio, si terrà la Lingera. "In quattro giorni generiamo almeno 1 milione di franchi - precisa Simone Giudicetti, presidente del carnevale - commerci, negozi, ristoranti, imprese della zona: facciamo felici un po’ tutti". Un business che per molte piccole aziende locali rappresenta una boccata d’ossigeno. "Per molte di loro il guadagno equivale a una tredicesima", annota Giudicetti.

abertagni@caffe.ch
10.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è