Tessere per lido e teatro, mesi gratis per trovare inquilini
Immagini articolo
La crisi degli affitti
surriscalda i mercati
MAURO SPIGNESI


C’è chi si spinge a offrire i primi tre mesi gratis, anche se la maggioranza propone solo un mese. E poi c’è chi rinuncia alla classica cauzione e chi offre pure le pulizie. Tra chi è disperatamente a caccia di un inquilino per l’appartamento vuoto c’è poi chi lancia un "affitto trattabile con un contratto a lunga scadenza". Ma in questa affannosa ricerca capita anche di sentirsi proporre il trasloco gratuito e persino un abbonamento a teatro, o anche al Lido per anno. Insomma, c’è di tutto. "Pur di affittare oggi non si chiedono più garanzie all’inquilino come un tempo", dice Fabio Guggiari, direttore di Target Home, agenzia di Manno. "Insomma - aggiunge - c’è una selezione meno rigida".
In Ticino la media generale per occupare un appartamento si è allungata sempre più. Attualmente è di circa 114 giorni.  Gli esperti hanno notato questa tendenza già nove anni fa. Ed è una tendenza che preoccupa anche il ministro delle Finanze Christian Vitta, che parla di un un mercato immobiliare surriscaldato ed evoca il timore di una grave crisi come quella alla fine degli anni ’80 (vedi intervista a pagina 12). Sta di fatto che l’eccesso d’offerta dettata dal fervore edilizio, ha spinto i proprietari a "confezionare" offerte tra le più stravaganti. "Sono tutte idee che hanno il fiato corto - spiega Yohanna Chiri Leimgruber, di TiAffitto -, alla lunga non hanno un effetto reale. Chi non riesce ad affittare è perché davanti a una offerta vastissima non riesce a distinguersi. Noi insistiamo molto sul marketing, le foto, la presentazione anche attraverso video. Ma soprattutto se una casa è vecchia, è degli Anni ‘50 o ‘70, chiediamo al proprietario di rinnovarla. Per affittare bisogna proporre qualcosa di bello".
Sui portali specializzati ci sono centinaia di proposte. "Ma offrire mesi gratis non è una strategia che funziona sempre - spiegano all’agenzia Ticino Re -meglio abbassare l’affitto di qualche centinaio di franchi al mese. L’immobile così diventa più appetibile". In Ticino sino a due anni fa, secondo l’Ufficio di statistica, circa due terzi degli alloggi messi in locazione appartenevano a singoli privati. Una quota più elevata rispetto alle altre aree della Svizzera. E il 2% del mercato appartiene al segmento del lusso che ha avuto ultimamente una domanda in calo per la mancanza di stranieri. "Però è anche vero - spiegano all’Agenzia Ceresio di Locarno - che molto dipende dall’appartamento. Oggi l’offerta è molto vasta e dunque la gente può scegliere. Se una casa è in un bel posto e se il prezzo è giusto si trova un inquilino".
"Nel Bellinzonese - dice Sandro Antorini della Edilnvest - si è costruito troppo. I prezzi degli affitti si sono decisamente abbassati. Noi non abbiamo problemi nel trovare affittuari, ma so che alcune società immobiliari hanno dovuto ridimensionare le richieste". Anche con proposte a dir poco inconsuete, come notano alla Timpresa di Losone. "Noi costruiamo -  dice il titolare - ma che ci sia un surplus di offerte ce ne siamo accorti. Ho addirittura letto che  veniva affittato  un appartamento offrendo un abbonamento al Lido di Locarno che costa 1’000 franchi".

mpsignes@icaffe.ch
03.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00