Le idee di Berna per la pensione ma TravailSuisse le boccia
Immagini articolo
Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
PATRIZIA GUENZI


Gli incentivi finanziari da che mondo è mondo funzionano sempre. Per incoraggiare i lavoratori a continuare l’attività anche dopo l’età pensionabile, a Berna si sta pensando di promettere bonus, rendite Avs maggiorate e alcune modifiche per il 2° e il 3° pilastro. L’intento è di riuscire a convincere soprattutto l’esercito dei baby boomers, i nati negli Anni 50 ormai quasi sulla via della quiescenza. E mai come di questi tempi il discorso si fa urgente, visto l’affossamento della riforma della previdenza, bocciata lo scorso autunno dai cittadini, che nelle intenzioni del ministro socialista della sanità Alain Berset avrebbe dato fiato alle asfittiche casse dell’Avs. Soprattutto a spese delle lavoratrici, a cui sarebbe stata alzata di un anno l’età della pensione. "Oggi come oggi è ridicolo parlare di questo, prima bisogna risolvere molti altri problemi che da tempo affliggono i lavoratori", osserva Linda Rosenkranz, portavoce di Travail.Suisse, l’organizzazione mantello dei lavoratori.
Ma Berset e il Consiglio federale sembrano determinati a trovare presto misure concrete. L’incentivo più allettante punta a contabilizzare le quote Avs di chi lavora dopo i 65 anni (64 le donne). Oggi questi versamenti non cambiano il calcolo globale della rendita finale, che si ferma al raggiungimento dell’età pensionabile per legge. Il cambiamento permetterebbe invece a chi mantiene un’attività (anche se già al beneficio dell’Avs) di aumentare globalmente la sua rendita. Così da colmare eventuali buchi assicurativi.
Un’altra pista prevede di esonerare dal pagamento delle quote Avs i lavoratori over 65, il che aumenterebbe il loro stipendio a fine mese. Interessante anche per l’imprenditore, che non pagherebbe più la sua parte. "Proposte ridicole che non possono essere prese in considerazione - le definisce Linda Rosenkranz -. Già oggi le persone a 60 anni non trovano più lavoro. E ripeto, prima ci sono numerose questioni che il mondo economico e la politica dovrebbero affrontare".
A tuttoggi, lavorare dopo l’età legale della pensione (senza percepirla) conviene. Ogni anno in più aumenta la percentuale di bonus in modo esponenziale (vedi tabella in alto a destra). In cinque anni di attività, uomini e donne vedono la loro Avs maggiorata del 31,5%. La formula non è ancora cambiata, malgrado la speranza di vita continui a crescere. Un ridimensionamento lo prevedeva la riforma (bocciata) della previdenza di Berset.
Se oggi i 65enni (le 64enni) devono decidere se continuare con l’attività o prendersi la rendita, in futuro potrebbero magari beneficiare di una parte di Avs e lavorare a tempo parziale. Potrebbe essere possibile, ad esempio, ridurre l’impegno professionale già a partire dai 62 anni, ma con la prospettiva di continuare dopo i 65 (64 le donne). Sempre che si abbia la fortuna di mantenere il proprio impiego così a lungo.
Più delicato il discorso sul 2° pilastro (cassa pensione). Attualmente, il datore di lavoro può, ma non deve, versare la sua parte di quota per i lavoratori over 65. In futuro, lo Stato potrebbe renderlo obbligatorio. Sarà però difficile imporre delle regole uguali a tutte le casse pensione. Comunque sia, già oggi le imprese hanno un ruolo cruciale per favorire il lavoro dei senior, indipendentemente dagli incentivi finanziari del 2° pilastro. Ad esempio, riducendo il tempo di lavoro, dando vacanze più lunghe o congedi non pagati. Per il 3° pilastro (risparmio privato, deducibile dalle imposte), l’idea è di rendere possibile effettuare versamenti anche dopo i 70 anni.  pguenzi@caffe.ch
11.02.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo