Uffici di tassazione sovraccarichi e i ritardi sono da record
Immagini articolo
Reclami fiscali
in attesa da 2 anni
ANDREA STERN


Marco B. (nome di fantasia) è un impiegato di banca che vive nel Luganese. A inizio 2016, come ogni anno, ha compilato la dichiarazione d’imposta. Poche settimane dopo l’Ufficio tassazione di Lugano-Campagna gli ha inviato la sua decisione. Negando però la deduzione di alcune piccole spese accessorie. Marco B. ha quindi sporto reclamo. Da allora sono passati più di due anni, ma il suo ricorso non è ancora stato evaso. "A più riprese ho interpellato l’ufficio di tassazione e ho persino scritto due volte al consigliere di Stato Christian Vitta per sensibilizzarlo sul tema e fargli presente la mia situazione - spiega -. Ma la decisione non è ancora arrivata. Un periodo così lungo mi sembra ingiustificabile e inaccettabile. Se avessi a che fare con una ditta privata, sarei passato già da tempo alla concorrenza. Ma con il Cantone devo invece adeguarmi ai loro tempi. È frustrante".
La situazione di Marco B. non è però un unicum. Alla fine dell’anno scorso erano ancora quasi 5mila i reclami in attesa di evasione, di cui 1279 relativi alla tassazione del 2014, quindi vecchi di almeno due anni. "È vero, in alcuni uffici si registrano ritardi - riconosce Lino Ramelli, direttore della Divisione delle contribuzioni - ma va anche considerato che, mediamente, in un anno entrano tra gli 8.000 e i 9.000 reclami. Il problema si fa sentire soprattutto a Lugano e a Locarno, in parte anche a Mendrisio. La sirezione della Divisione delle contribuzioni sta dando priorità alla problematica esistente affinché la situazione possa migliorare. Alcune misure, ad esempio, sono già state implementate, come il miglioramento dei processi di lavoro, che ci ha portato a non accumulare ritardi nel 2017: l’anno scorso, infatti, la nostra produzione è stata pari al carico di lavoro, quindi i sospesi non sono aumentati " spiega Ramelli. "Inoltre in futuro, grazie all’introduzione del sistema eDossier e al potenziamento temporaneo, a partire dal 2018, con sei unità, nei prossimi anni si potranno recuperare progressivamente tutti gli arretrati."
I numeri remano contro. Negli ultimi dieci anni il numero di tassazioni da eseguire è salito da 228.562 a 255.574, solo per quanto riguarda le persone fisiche. Un aumento del 12%. Ma in questo lasso di tempo il personale degli uffici di tassazione è rimasto costante, con però un recente potenziamento. "Le pratiche sono sempre più numerose e sempre più complesse - sottolinea Ramelli – e la via perseguita è quella di migliorare i processi. È quello che ci stiamo impegnando a fare".
Un ruolo chiave nella velocizzazione del lavoro lo riveste l’informatica. Da quest’anno, grazie alla versione aggiornata del programma elettronico eTax, è possibile inoltrare la propria dichiarazione fiscale e i giustificativi anche online. Un risparmio di tempo sia per il contribuente, sia per i tassatori. "Il programma ha avuto qualche comprensibile difetto di rodaggio - osserva Ramelli -, ma nel mese di maggio ci ha permesso di evadere il maggior numero di pratiche degli ultimi sette anni. È un segnale promettente in ottica futura. Anche se, ripeto, ci vorrà ancora del tempo per recuperare il ritardo".
Poiché le verifiche umane restano essenziali. E se vengono svolte in modo troppo approssimativo, il rischio è quello di far aumentare il numero dei reclami. E quindi di far perdere il tempo guadagnato in precedenza. Ramelli cita, a questo proposito, i possibili differenti approcci di lavoro degli uffici circondariali di tassazione, che pur garantendo al contribuente la parità di trattamento, possono effettivamente comportare delle tempistiche di lavoro diverse. A seconda dell’approccio, infatti, si possono causare o più ritardi nelle tassazioni ma meno reclami, o meno ritardi ma più reclami.
Tra questi ultimi anche quello di Marco B., che già pochi giorni dopo il suo ricorso era stato avvertito. "Purtroppo - gli scriveva l’ufficio di tassazione di Lugano Campagna - l’esame dei reclami non sempre può avvenire entro breve termine. Vorrà pertanto scusarci se la decisione non sarà immediata. Faremo il possibile per limitare il tempo di attesa".
Sarà anche stato fatto il possibile, ma due anni sono oggettivamente tanti. Ramelli non entra nel merito del caso concreto, ma spiega che "i motivi per i quali un reclamo resta in sospeso così a lungo sono solitamente due. Il primo, non necessariamente conosciuto dal contribuente, può essere legato a verifiche in corso su altre persone o società in relazione con il reclamante. Il secondo è invece l’attesa di una sentenza. Se c’è incertezza giuridica su un aspetto, si preferisce aspettare che la massima corte elvetica faccia chiarezza, piuttosto che prendere una decisione che rischia in seguito di essere smentita".
Motivi validi, che però non bastano a rasserenare Marco B.. "Il mio disappunto è compreso - afferma -, ma a me non interessa la comprensione. Io aspetto una decisione. Un sì o un no, ma che sia una decisione".
astern@caffe.ch
24.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur