function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
L'Usi coinvolge le aziende nel centro di competenze
Immagini articolo
Non solo Medtech
nel polo di ricerca
ANDREA STERN


Forse è stato solo un bluff. Un modo di fare pressione sull’antagonista in una partita di poker che si sta protraendo da troppo tempo. "Lo stabile Mizar resta la sede ideale per il centro di competenze sulle scienze della vita - ammette Claudio Massa, membro di Lugano Medtech e per diciotto anni, fino allo scorso ottobre, membro del Consiglio di fondazione del Cardiocentro -. Si tratta però di stabilire un prezzo congruo, perché la cifra chiesta dal proprietario, Swisslife, è troppo alta".
Si spiegano così, forse, le parole di Michele Foletti, presidente di Lugano Medtech, che settimana scorsa aveva praticamente annunciato l’abbandono dell’opzione Mizar. Uno stabile da lui definito troppo grande che in realtà è invece troppo caro. "Inizialmente Swisslife chiedeva 50 milioni di franchi - spiega Massa -. È scesa a 40 e poi a 35 in caso di pagamento immediato. Ma lo stabile, a mio modo di vedere, non ne vale più di 30". Considerando che davanti alla porta di Swisslife non c’è la fila di pretendenti, un accordo per il Mizar potrebbe ancora essere trovato. E poi cosa succederebbe?
"L’orientamento è chiaro - sostiene Massa -, si vuole realizzare un centro di competenze che racchiuda sotto lo stesso tetto l’università e le aziende private". Un progetto portato avanti da Boas Erez, rettore dell’Università della Svizzera italiana, il quale ha raccolto il testimone dal Cardiocentro. Salvando di fatto un progetto che altrimenti sarebbe caduto sotto i colpi assassini della trattativa tra ospedale del cuore ed ente ospedaliero. L’obiettivo di Erez, ora, è quello di affiancare alla nuova facoltà di medicina un polo di ricerca che racchiuda tutte le eccellenze ticinesi e che funga da facilitatore di progetti.
"Io sono molto favorevole alla ricerca, è da decenni che ne faccio - sottolinea Alberto Siccardi, presidente del Cda di Medacta, una delle principali aziende del cantone attive in ambito Medtech -. La Svizzera è il Paese con il maggior numero di brevetti per abitante e deve continuare a puntare sulla ricerca. Per questo credo molto in un centro di competenze". Ma, precisa Siccardi, solo a due condizioni. "La prima è che ci sia un progetto chiaro e ben definito - afferma -. Perché sarebbe uno spreco di risorse creare un enorme centro senza sapere in che direzione andare. La seconda condizione è la garanzia della confidenzialità. Perché in un enorme centro il rischio è che le aziende private si rubino le idee e i ricercatori". Soddisfatte queste condizioni, il fondatore di Medacta sarebbe disponibile a partecipare al progetto, del quale ha già discusso a lungo con il rettore dell’Usi.
Non è invece stato interpellato Franco Cavalli, fondatore dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi). "Non siamo stati coinvolti nel progetto Mizar e ho appreso solo dalla stampa di questa idea del rettore dell’Usi - afferma Cavalli -. Noi stiamo ampliando il nostro centro a Bellinzona ed è qui che intendiamo portare avanti le nostre attività. Poi, certo, siamo aperti a qualsiasi collaborazione. Ma per ora mi sembra che la situazione sia ancora poco precisata, attendiamo di vedere come evolverà questa idea".
A farla evolvere, oltre a Erez, vi è l’imprenditore Davide Gai, che si occupa di sviluppare progetti concreti e trovare finanziamenti. "C’è una buona risponenza - sostiene Gai -, ci sono tutti gli elementi per creare un valido centro di competenze. Tra l’altro la nascita della facoltà di medicina ha fatto sì che in Ticino siano migrati professionisti di grande valore, principalmente da oltre Gottardo. La qualità c’è, senz’altro". Anche Gai resta possibilista sul Mizar, pur ricordando che "è meglio avere dei bei progetti in stanze in affitto che avere un bello stabile senza progetti".
Resta l’incognita di quale sarà l’eventuale ruolo del Cardiocentro in questo polo di ricerca. Tiziano Moccetti, che dopo le dimissioni di massa è l’unico superstite nel Consiglio di amministrazione della Fondazione per l’istituto svizzero di medicina rigenerativa e terapie innovative (Sirm) non vuole rilasciare dichiarazioni. Ma Massa conferma quanto già dichiarato da Foletti, ovvero che "negli ultimi due anni il Cardiocentro ha smantellato buona parte di quanto era stato creato a livello di ricerca". Ergo, difficilmente l’ospedale del cuore avrà bisogno di nuovi spazi. Lo stesso Foletti guarda oltre ma a scanso di equivoci ribadisce il lato positivo del Mizar: "È in posizione strategica".

astern@caffe.ch
31.03.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00