Paolo Rumiz
Immagini articolo
"Ho sempre preferito
la lentezza e l'ascolto"
STEFANO VASTANO


Ci sono scrittori - il più grande di tutti, Bruce Chatwin - che del viaggio hanno fatto la passione di una vita (nomade). E ci sono giornalisti che viaggiando fanno continue scoperte: sul mondo, la politica, la storia e persino su sé stessi. Paolo Rumiz, firma tra le più brillanti di "La Repubblica", è forse il Chatwin del giornalismo. "Il paragone mi onora - risponde -, ma Chatwin non ha mai fatto il giornalista mentre io l’ho fatto per anni. Il nostro lavoro qualcuno l’ha definito una letteratura da corsa. Ma ho sempre privilegiato la lentezza, un rapporto rilassato con i luoghi, l’ascolto di persone". Sarà per questo che i suoi libri di viaggio arrivano sempre - sulla guerra in Bosnia, l’Europa di oggi o la Grande Guerra - a "delle verità complementari", come le chiama lui con un certo orgoglio.
In "Maschere per un massacro", ad esempio, la guerra in Bosnia s’è rivelata più una guerra tra clan criminali che conflitto etnico-religioso. "Sui Balcani ho scoperto, che dietro la componente etnica c’erano forti interessi di carattere malavitoso", spiega. E ciò proprio mentre in Italia, dopo il crollo della Dc e con la Lega Nord, emergevano nuovi separatismi. "In Italia - osserva - avevamo dimenticato la questione etnica: ma l’Italia è ancora oggi un arcipelago con codici di comportamento diversi fra loro e che non riescono a fare nazione". Non per niente nel suo libro sulla Grande Guerra - "Come cavalli che dormono in piedi" - ha ricostruito la "Madre delle Catastrofi del 20° secolo", viaggiando sulle tracce del nonno Ferruccio, uno dei 100mila trentini e giuliani che, nell’agosto del ‘14, combattono per l’Impero austroungarico. "Sì - continua - ho raccontato la Grande Guerra degli italiani che l’hanno persa". Un punto che ci fa risentire quei paradossi che toccano da vicino la storia di Trieste e dintorni. "L’Italia - prosegue il triestino Rumiz - ha fatto la guerra per Trieste, ma anche contro soldati triestini: insomma, per il desiderio d’Italia ci siamo sparati tra fratelli".  
Quali e quante le identità e le catastrofi, i soprusi e i valori che segnano oggi città di confine come Trieste, Rumiz lo spiega così: "Dopo il 1918 Trieste ha subito una drammatica metamorfosi, la perdita del suo retroterra e le pulizie etniche, tanto che gli italiani conquistando la città ‘italianissima’ ne hanno silenziato tutte le sue altre identità". Non stupisce che viaggiando l’Europa in ‘verticale’ per così dire, dalle coste in Finlandia via Odessa sino a Istanbul, Rumiz abbia ritrovato anche all’interno della Ue - come racconta in "Trans Europa Express", il suo libro più gettonato del 2012 - gli stessi assilli ed ossessioni "di quel trauma identitario, scippi ed espropri, dice, già subiti dai triestini". Da dove venga quel rabbioso nazionalismo, il crudo razzismo che agita ancora l’Europa. E dove inizino, dove finiscano e quali siano i ‘confini’, i valori di fondo di una possibile identità europea, per Rumiz è però chiaro. "Da quando sono nato - confessa - assisto ai disastri del nazionalismo, sia esso quello italiano o di stampo jugoslavo che ha respinto gli italiani via dall’Istria, Fiume e Dalmazia". La malattia cruenta del nazionalismo - "per me, una forma di infantilismo", diagnostica - si ripropaga oggi al sud come al nord. Pronta a negare ovunque in Europa la pluralità dei luoghi e minoranze, delle lingue e culture. "La forza della pluralità delle culture - prosegue Rumiz - la avverti oggi meglio più fuori che al di dentro della Ue. Dentro abbiamo perso del tutto il mito dell’Europa; anche i politici non ne parlano più in modo emozionante. Ma ad un ucraino invece brillano gli occhi se guarda ad Occidente e parla dell’Europa".
Paradossi dei confini, e delle storie che viviamo e raccontiamo da quei luoghi. Anche dai più marginali o dimenticati.
10.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano