Dino Balestra
Immagini articolo
"Il mondo dei media
è un supermercato"
ANDREA STERN


È davanti al computer e sta consultando un sito internet. Dino Balestra, da tre anni è in pensione dopo una vita trascorsa in televisione. Una carriera, la sua,  iniziata nel 1968, quando da studente partecipò a un dibattito dell’allora Tsi a Trevano e venne notato dal produttore della trasmissione, che gli propose una collaborazione. Da lì iniziò un lungo percorso che, scalino dopo scalino, lo portò nel 1999 ad assumere la direzione dell’azienda, guidando la trasformazione in Rsi. "Quello con la televisione è stato un amore a posteriori - racconta Balestra -. All’epoca non pensavo di fare il giornalista, ma una volta iniziato a lavorare mi innamorai di questa professione".
Erano i tempi in cui "quando arrivavamo noi della televisione, venivamo accolti con sorrisi e abbracci. C’era fierezza di ospitarci e noi eravamo un po’ ‘l’enfant gâté’ del Paese". Certo, già allora non mancavano le critiche. "Però se un telespettatore voleva lamentarsi di un programma, doveva prendere carta e penna e scrivere una lettera. Oppure parlava male di noi all’osteria e la cosa finiva lì. Oggi invece gli sfoghi possono essere fatti in tempo reale e creare il classico effetto valanga". Un bene, un male? "È difficile dirlo - nota -, da un lato ogni mal di pancia diventa un problema esistenziale e collettivo, ma dall’altro questi nuovi strumenti permettono l’espressione di disagi e idee magari non condivisibili, ma che fanno parte del panorama delle opinioni. Dobbiamo convivere con questo brusio di fondo, che a volte offre delle perle, a volte letame. Ma comunque non è che una volta tutte le lettere fossero scritte da Dante o Petrarca".
Non si stava meglio quando si stava peggio, insomma. "Noi tendiamo sempre a glorificare il passato. Ma è sbagliato pensare che una volta eravamo nell’epoca d’oro dell’impegno politico e culturale e che oggi siamo allo sbando. Quanti leggevano i giornali e approfondivano le informazioni? Semplicemente oggi l’acqua scorre in mille rivoli invece di essere incanalata in un solo flusso, ma arriva".
Il panorama mediatico è infatti sempre più ampio e variegato. "È come una sorta di Foxtown, un grande magazzino - osserva - , dove le nuove generazioni vanno a pescare tra le varie offerte quelle che interessano loro, non c’è più l’attaccamento a un singolo mezzo d’informazione". Una situazione ben nota anche a casa Balestra. "Ho due figli che vanno in terza media e quindi è inevitabile che ci siano Swisscom Tv, Sky, Netflix, Youtube e quant’altro. Anch’io mi informo facilmente col telefonino. Quando parlo ai miei figli di com’era la tv in passato mi guardano un po’ come un marziano".
Già anni fa Balestra era consapevole del cambiamento in atto nella tv e contribuì alla trasformazione della Tsi in Rsi, facendo convergere i vari media in una sola entità. "Nel mondo mediatico chi si ferma è perduto, perché i cambiamenti sono imposti da dinamiche che vanno ben oltre i nostri confini. Non ci si può opporre. E non devono far paura, basta avere una visione chiara su dove si vuole andare e su come ci si vuole arrivare".
Un discorso sempre attuale, per la Rsi, a maggior ragione alla luce dell’imminente votazione sul canone. "Il servizio pubblico deve costantemente adeguarsi alle nuove modalità, deve sapersi infiltrare nei nuovi bisogni del pubblico, mantenendo i contenuti e la qualità. Questa votazione è solo l’inizio di una lunga discussione". Se l’iniziativa verrà respinta, come Balestra si auspica, "i vertici della Ssr non dovranno festeggiare bensì rimboccarsi le maniche", dice. Ma, come sintetizza un detto francese che l’ex direttore Rsi ama citare, "il vento di tempesta fa la felicità del capo".
astern@caffe.ch
18.02.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti