Luca Barbareschi
Immagini articolo
"Con l'inquietudine
cado in un buco nero"
ALESSANDRA COMAZZI


Non è un personaggio facile, Luca Barbareschi. Non è accomodante, non è diplomatico. Però è anche sincero, bravo a recitare e organizzare, coraggioso. Nato nel 1956 a Montevideo, perché il padre era andato a lavorare in Uruguay, compirà 62 anni il 28 luglio. È direttore artistico del Teatro Eliseo di Roma, uno spazio che ospita non soltanto spettacoli, ma anche concerti, incontri, dibattiti, mostre, presentazioni, convegni, un ristorante e un bar. Un progetto di intrattenimento globale che ha contribuito a rilanciare la vita teatrale della capitale italiana, dove chiudono i cinema ma stanno riaprendo le sale per lo spettacolo dal vivo. Luoghi dove la condivisione, invece che sui social, avviene con i vicini di posto e con gli artisti in carne e ossa che si esibiscono sul palcoscenico. All’Eliseo Barbareschi è affezionatissimo. "Questa è la mia casa - dice - il mio nido, il posto dove mi sento sicuro e restituito a me stesso. Quando arrivo, la mattina molto presto, non c’è ancora nessuno. L’emozione che provo è sempre fortissima. Tutto è immerso in un silenzio irreale. Sospeso. Certe mattine mi sembra di percepire l’eco delle voci degli attori che hanno abitato quei luoghi negli anni, ne sento come l’energia latente. Sono anche diventato manager per forza: mi sono improvvisato agente letterario, non c’era altro modo per diffondere la contemporaneità e i nuovi linguaggi. Affrontando anche le spinose questioni dei diritti. Per le opere di Mamet, soprattutto".
Ma la passione faceva superare ogni ostacolo. Solo che le passioni di Barbareschi non sono, o non sono state, sempre felici. Di recente ha scritto un libro con Mondadori, "Cercando segnali d’amore nell’Universo", dove parla della sua vita, la famiglia, i figli, le donne, l’America, la droga, le molestie subite da bambino, l’aiuto dello psichiatra. Durante questo incontro non evita gli argomenti spinosi. Confessa: "È un’energia terribile quella che mi sento dentro, forte, difficilmente gestibile, che cerco di trasformare il più possibile in positivo. È una lotta quotidiana. Ma cerco anche di fare qualcosa di concreto: avevo creato una Fondazione per tutelare i bambini vittime di pedofilia, da parlamentare ho proposto leggi specifiche. Poi però ho chiuso la mia Onlus. Avvertivo strane sensazioni negli incontri con le altre organizzazioni. Una specie di cattivo sapore. Ho detto basta, non è obbligatorio, la beneficenza la faccio nel privato".
Un privato assai consistente: cinque figli, due mogli e una compagna importante e conosciuta, attrice come lui, Lucrezia Lante della Rovere. Racconta: "Abbiamo avuto una storia meravigliosa durata sette anni, fatta di baci, di tournée, di Shakespeare letto insieme ad alta voce. Lei però un giorno mi ha detto: ‘quando la tua inquietudine prende il sopravvento, fai paura, cadi in un buco nero dove, se mi lascio cadere anch’io, sono perduta... Non posso più stare con te’. Se n’è andata. Mi ha lasciato. Aveva ragione lei". Insomma, passioni sempre impetuose. Come quella per il teatro. Parte per l’America alla ventura. Con il mito di Strasberg. "Decido di affrontarlo. Pronto per fargli la posta fuori dall’Actors Studio una mattina. Lo vedo apparire, mi presento, sono Luca Barbareschi, un attore, non ancora famoso, ma un giorno... Evidentemente coglie in me un talento, mi fa entrare all’Actors Studio: dove faccio l’imbianchino per sei mesi. In cambio posso partecipare alle lezioni. Gli insegnanti erano: Elia Kazan, Dustin Hoffman, Paul Newman, Robert Redford, una meraviglia. Faccio la prima lezione davanti a lui, il monologo di Marlon Brando da "Fronte del porto", tutti volevamo essere Marlon Brando. Sono carico. Lui mi guarda e sentenzia: ‘grande talento comico’. Vado a casa. Sniffata della delusione". E sì, pure la droga è un capitolo importante della sua vita. "Ma adesso ho creato una dipendenza da una cosa virtuosa, un contatto con me stesso e con la donna che amo e che spero durerà tutta la vita".
06.05.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo