Gerry Scotti
Immagini articolo
"Non nascondo più
la mia tenerezza"
ALESSANDRA COMAZZI


Jerry (sta per Virginio) Scotti, classe 1956, stacanovista del video: nella sua carriera, 600 prime serate, 6200 puntate tra Passaparola, Il Quizzone, Chi vuol essere milionario, The Wall... Lui però cominciò con la radio: "Credo che la radio si possa considerare l’università per chi vuole fare questo mestiere, non per niente i grandi conduttori italiani sono passati di lì. Penso a Conti, Frizzi, Fazio, Chiambretti, lo stesso Fiorello. Io ho cominciato in una piccola radio di Milano, dove mi davano 500 lire l’ora per mettere a posto i dischi, all’epoca mi sembrava il lavoro più bello del mondo. È per la radio che non sono riuscito a finire l’università, i miei non me l’hanno mai perdonato".
Suo padre era rotativista al Corriere della Sera, il mio era tipografo a La Stampa. Lui riflette: "I nostri genitori erano abituati ad un lavoro fatto di orari notturni, arrivavano a casa dal lavoro mentre noi facevamo colazione. Da ragazzo, tra i miei amici ero l’unico a leggere il giornale tutti i giorni, la carta stampata era la mia compagna di vita. Ai ragazzi che sono qui vorrei dire di mettere giù il telefono almeno un’ora al giorno e di leggere un libro, un giornale. Per il lavoro, io penso di essere stato fortunato quando mi hanno chiamato e scelto, poi credo di essere stato bravo a non farmi mai mandare via. Sono entrato a Mediaset nel 1984, non me ne sono ancora andato, e non so neanche se quelli di Mediaset se ne siano accorti... Scherzi a parte, è un’azienda che mi ha cresciuto, che mi ha fatto scoprire la popolarità, il successo, mi ha pagato bene, ma soprattutto mi ha concesso estrema libertà di azione sul lavoro, e di questo sarò sempre grato. C’è stato qualcuno, dalla Rai, che mi ha detto "vieni da noi, ti facciamo fare Sanremo".
Bello, poi però sarei stato disoccupato! Ecco, io farò Sanremo quando avrò l’età di Vianello all’epoca, mancano ancora 15 anni. Tutto questo lavoro è anche un modo per rimanere in forma. Certo, il bello dei format è che puoi prendere l’idea da un altro Paese, riadattarla, e creare una tua versione originale. Noi prendiamo la ricetta della ciambella, poi c’è chi la fa dolce o meno dolce, col buco o senza buco.
Mike Bongiorno diceva: "Noi non facciamo quiz, raccontiamo storie". Commenta Scotti: "Sono d’accordo. Non è tanto il quiz in sè a interessare, quanto il rapporto con il concorrente, i suoi vizi, la sua storia, i suoi tic. Ormai io e i miei autori lavoriamo sul lato umano dei concorrenti e sulle loro particolarità. E poi ho fatto il giudice a Italia’s Got Talent, una grande esperienza, una lezione di umiltà: vedo gente ballare quando io non mi muovo per il mal di schiena. Ho visto cantare mentre io canto sotto la doccia nel migliore dei casi. Allora mi butto su quelli scarsi, i più facili da giudicare. E, complice anche il ruolo di giudice, negli ultimi anni ho cominciato a commuovermi in televisione.
Vedo numeri pazzeschi sul palco, dietro ai quali ci sono storie di vita e fatiche di anni, e non posso che commuovermi di fronte a una tale bellezza. All’inizio mi vergognavo, ma poi mi sono accorto che l’uomo, il maschio, non deve nascondere la propria tenerezza. Chiedete a mia moglie… Ma una delle esperienza più belle della mia vita, artisticamente parlando, è stata la fiction Finalmente soli, le 200 puntate con Maria Amelia Monti, una grande artista. Era un bel prodotto, abbiamo smesso di farlo perché non era remunerativo. Se avessimo realizzato la fiction in lingua straniera, saremmo riusciti a venderla in tutto il mondo. In futuro, potrei anche autoprodurmela".
Suo figlio Edoardo ha partecipato in America allo Show dei Record. Le piacerebbe se seguisse la sua strada? "Devo essere sincero, non mi piacerebbe granché. Per i figli si spera sempre una vita diversa da quella dei genitori".
07.10.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00