Valentina Peleggi
Immagini articolo
"Prima di dirigere
cucino lo spartito"
FEDERICO BASTIANI


Nella nostra società è "normale" che certi mestieri siano considerati prettamente maschili o femminili. Il direttore d’orchestra è uno di questi. Vedere una donna è una rarità, una donna di fama internazionale ancora più. "La direzione d’orchestra è un ruolo di leadership, è quel personaggio mitico che controlla il tempo ma che dà il tempo agitando una bacchetta. Ci si immagina un uomo, magari con i capelli bianchi - dice al Caffè Valentina Peleggi, 35 anni, salita alla ribalta delle cronache per essere diventata la prima italiana nel programma di direzione d’orchestra della Royal Academy of Music di Londra -. La nostra cultura ci ha abituati fin da piccoli ad associare a Dio le fattezze di uomo maschio anziano e saggio, come segno di massima autorità e rispetto. La maggior difficoltà credo sia da un lato quella di creare, dall’altro quella di accettare un nuovo modello di leadership: femminile, giovane, autorevole ma non autoritario, sicuro ed autentico".
Nata a Firenze, non proviene da una famiglia di musicisti se non per la storia curiosa legata alla sua bisnonna Clori che aveva una voce meravigliosa. Erano gli Anni ‘20 e nonostante gli ostacoli partecipò di nascosto ad un’audizione e fu selezionata da Puccini in persona per la Bohème. Ma si sposò e la sua carriera finì in quel momento.
Destino differente per Valentina. Riusciamo a parlare con lei fra un viaggio e un altro. Si divide fra Londra, dove vive, San Paolo in Brasile, dove è direttrice musicale del teatro dell’Opera, e gli Stati Uniti dove collabora con la Baltimore Simphony Orchestra. Per affermarsi a livello internazionale ha dovuto trasferirsi a Londra. "A proposito di leadership femminile, lì hanno la Regina - dice sorridendo -. In Italia ho fatto tutto il mio percorso formativo, scuola di musica di Fiesole, conservatorio Cherubini, Santa Cecilia, Accademia Chigiana. Avevo un lavoro stabile come direttore del coro universitario di Firenze che amavo molto e che ho guidato per dieci anni interrotti da quando avevo 22 anni. Ma più di questo per me non c’era e a me non è bastato".
Quest’anno è arrivata la consacrazione per Valentina, la direzione della Royal Academy. "Un’esperienza incredibile! Sempre, da italiana, quando sei all’estero dirigere un’opera italiana ti fa sentire subito a casa. Ma questa volta, sapere che sono stata la prima del mio Paese a calcare quel podio, e per di più con un toscano come Puccini, mi ha fatto sentire un grande senso di felicità".
A differenza di qualsiasi altro musicista, il direttore non suona direttamente nessuno strumento, ma deve convincere altri artisti a suonare esattamente come ha in mente. "Facciamo un paragone: in un ristorante invitiamo tre diversi chef e chiediamo di fare lo stesso piatto, dovendo usare la stessa ricetta e gli stessi ingredienti. Ecco, come la cucina è una questione di equilibri, quantità, sensibilità, immaginazione, ispirazione. Ogni artista è unico. La scelta di un tempo influenza il carattere di un passaggio, la scelta di un’articolazione, il colore, il significato".
La direzione d’orchestra è un lavoro che richiede moltissima dedizione. Per preparare un’opera occorrono mesi. "Inizio a leggere al pianoforte cantando tutte le parti vocali e chiarendo le armonie, poi quando le ho memorizzate passo a studiare l’orchestrazione". Il suo calendario è organizzato con due anni di anticipo. "È incredibile a volte pensare che il direttore d’orchestra passa la maggior parte del tempo di preparazione da solo, in silenzio. Le prove sono solo l’ultimo passaggio, la punta di un iceberg iniziato mesi prima".
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00