function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Antonio Scurati
Immagini articolo
"Vi racconto Mussolini
l'uomo del destino"
STEFANO VASTANO


A un secolo dal fascismo un romanzo su Mussolini? E nell’era dei social non saranno un po’ troppe le 820 pagine di "M. Il figlio del secolo"? Antonio Scurati non riflette a lungo prima di rispondere alle due domande. "Ho scritto un romanzo "documentario" che non concede nulla alla libera invenzione - spiega l’autore - ho aderito scrivendolo e legandolo solo a fatti storici, ho evitato ogni dialogo che non sia documentato".
Può sembrare penalizzante per lo scrittore trascrivere solo ciò che è documentato. "In realtà una poetica di filologia e storia fa da filtro e bussola per me e il lettore", e ha funzionato. Lo attestano il Premio Strega, che lui ha spuntato l’anno scorso, e mezzo milione di copie sinora vendute di "M". Ma successo a parte, cosa ha spinto Scurati a prefiggersi "di scrivere ben quattro volumi sui 20 anni dell’era fascista" (il secondo in libreria a settembre)? "Negli ultimi decenni  in Italia è caduta la pregiudiziale antifascista su cui si è fondata la Repubblica italiana, e cioè la condanna definitiva del fascismo su cui c’era consenso nella società".
C’era, appunto. Non sono solo le bande di ultrà negli stadi o tetri nostalgici a inneggiare al Duce; anche Berlusconi ha definito Mussolini "un grande statista". D’altronde l’epos grandioso della lotta partigiana, "il mito necessario e sacrosanto della Resistenza ha in certo senso scoraggiato gli italiani a fare i conti col fascismo". Già, ma all’inizio, nel Ventennio, come mai gli italiani, devastati dalla Grande Guerra e da crisi politiche ed economiche decisero di affidarsi a questo irruento e giovanissimo romagnolo? "Un popolo aveva vinto la guerra mondiale, ma si sentiva sconfitto. E uomini di grande influenza come D’Annunzio e Mussolini puntarono tutto sulla paura come passione politica più potente della speranza". La paura: è il tema che regala alle pagine di "M" una loro terribile attualità, lanciando diversi ponti nel presente.
Al potere, nel ’22, Mussolini ci arrivò cavalcando la febbrile retorica della paura, rimestando con le menzogne più sfrontate nelle fobie e pregiudizi irrazionali della gente. "Mentre scrivevo - conferma Scurati - ero sbalordito dagli echi narrativi del romanzo. Nel 1919 Mussolini definiva "anti-partito" il suo movimento. Parlava sprezzante delle "mummie" in Montecitorio, dicendo noi non siamo la politica, ma l’antipolitica". Non ci vuole poi molto per risentire dietro questi slogan di Mussolini quelli sparati ancora oggi da sovranisti di mezzo mondo. Eppure per venir osannato prima dalla sinistra radicale, poi come Duce del fascismo "M" delle qualità doveva averle. "Aveva straordinarie doti politiche - dice Scurati - era un individuo capace, brillante, ma anche miserabile". Come giornalista ad esempio era formidabile. "Da direttore dell’Avanti - ricorda Scurati - in un anno quadruplica le vendite. Scrive ogni frase come slogan, senza alcun ancoraggio ai fatti, ma riempendole di Io prometto, Io dico, Io faccio". Le "fake news", insomma, non sono proprio una novità. Ma è un’altra e più grave la "scoperta" fatta da Mussolini: "La sua mimica, il suo corpo che non solo incantano, ma incontrano le masse", dice Scurati. Oggi i filmati con il duce a torso nudo, gli occhi roteanti e la mascella in fuori ci sembrano ridicoli. Folli le masse in estasi. Ma con quei gesti furiosi Mussolini "stava mettendo al centro della politica non il ragionamento o l’analisi, ma il corpo, le sue frasi fatte di miti e non di ragioni". Due i profili di "M" che vengono più in luce nel romanzo. Da un lato l’inventore esaltato di un nuovo e radicale stile politico, l’ultrà nazionalista e populista. "Nei suoi momenti di autofiducia, Mussolini, che era ateo e nichilista, si sentiva l’uomo del Destino, capace di far precipitare gli eventi". Non a caso il suo secondo volume Scurati l’ha intitolato "L’uomo della Provvidenza".
"Ma nei momenti di sconforto - conclude - si sentiva portatore di vuoto. Mussolini non aveva un’ideologia né valori e disprezzava, a differenza dei socialisti, i programmi. È lui il prototipo di ogni successivo leader populista, che guida le masse non precedendole con una idea, ma seguendole e assecondandone gli umori". L’inventore del moderno populismo: ecco perché "M" fu "il figlio del secolo". E perché, a 100 anni dal fascismo, il romanzo di Scurati fa tanto presa sui lettori.
22.08.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Se il terrore non politico
incide sulle nostre vite
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

I quartieri poveri
di Madrid
non hanno
più luce

Poliziotti violenti
in Francia,
spaccata anche
la maggioranza

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00