Sei grandi inciampi, sei grandi inchieste frenano gli Usa
Immagini articolo
Molestie e Russiagate,
tutti i guai di Trump
ALESSANDRA BALDINI DA NEW YORK


Se i muri del Beverly Hills Hotel potessero parlare... Arredato nello stile di uno dei suoi antichi avventori, Frank Sinatra, il Bungalow 22 prescelto da Donald Trump per i suoi soggiorni a Los Angeles è entrato nella lista dei "testimoni" di una delle tante vicende giudiziarie che vedono coinvolto il capo della Casa Bianca.
   È al Bungalow 22 che Trump si sarebbe intrattenuto con Summer Zevros, ex candidata di "Apprentice" che accusa il presidente di molestie sessuali. Gli avvocati della donna hanno chiesto i documenti relativi a 5 anni di visite del tycoon all’albergo, il quale a sua volta non si può rifiutare: la scorsa settimana un giudice di New York ha dato luce verde alla causa.
  Fast forward alla West Wing. Il capo di gabinetto John Kelly, che fino a pochi mese fa tentava di fare da "gatekeeper" dell’Ufficio Ovale, si è arreso. A questo punto fa fare a Trump tutto ciò che vuole, anche a rischio di arrivare all’impeachment: "Almeno questo capitolo della storia americana sarà chiuso", avrebbe detto, secondo una fonte del giornale online Politico.
  Molte partite che potrebbero portare a questo epilogo sono aperte. Senza tirare in ballo le dichiarazioni dei redditi tuttora coperte da segreto, lo stato di New York ha messo sotto inchiesta Trump e i tre figli maggiori Don Jr., Ivanka e Eric per avere usato come bancomat di famiglia la Fondazione filantropica intitolata a loro nome. Ivanka e il marito Jared Kushner sono intanto nel mirino per conflitto di interesse: tra investimenti immobiliari, "liquidazioni" dorate e contratti editoriali hanno incassato nel 2017 almeno 82 milioni di dollari. E che dire dei proventi del Trump International Hotel? Prima dell’elezione, l’albergo rischiava di essere un investimento fallito come quelli che negli anni Novanta avevano portato il tycoon alla bancarotta; la vittoria del 2016 lo ha trasformato in gallina dalle uova d’oro con buona pace delle norme costituzionali che vietano al presidente di incassare fondi da governi stranieri in visita ai suoi alberghi e resort.
  Assistito dal nuovo avvocato Rudy Giuliani, Trump continua a tirare fendenti. La revoca dei domiciliari per aver tentato di influire su testimoni all’ex manager della campagna Paul Manafort fa parte a suo avviso della "caccia alle streghe" del Deep State nei suoi confronti. Solo pochi esperti riescono a ricostruire senza l’aiuto di Google i filoni di indagine che fanno di Trump un presidente più inquisito di Richard Nixon (si dimise prima dell’impeachment) e di Bill Clinton, che fu messo in stato di accusa dal Congresso e poi prosciolto.
  Il dossier di più alto profilo è il Russiagate su cui indaga il super-magistrato Robert Mueller. L’interferenza di Mosca sul voto del 2016, che ha portato alle incriminazioni di Manafort, di Rick Gates e di 14 russi, potrebbe condurre ad accuse per ostruzione della giustizia mentre alcuni stretti ex collaboratori di Trump - a iniziare dall’ex consigliere per la sicurezza Michael Flynn - hanno cominciato a "cantare" con gli inquirenti.
  C’è poi la mina vagante Michael Cohen, ex "Mr. Fixer" di Trump. Sembrava pronto a buttarsi nel fuoco per il presidente, salvo ripensarci dopo esser stato messo alle strette dalla magistratura di New York per il pagamento di 130mila dollari alla pornostar Stormy Daniel: una mazzetta per comprare il silenzio della donna alla vigilia del voto, come col tentativo del tabloid "amico" National Enquirer di chiudere la bocca all’ex Playmate Karen McDougal. Le offrirono di comprare il racconto degli incontri con Trump al Bungalow 22 per poi farlo finire nel cassetto degli scoop insabbiati.
24.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Non si fa abbastanza
contro le molestie
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il pensionato tradito
dall'attempata escort
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14