Due morti durante il quinto sabato di proteste in Francia
Immagini articolo
I gilet gialli non mollano
ma ora sono a un bivio
ANDREA STERN


L’attentato di Strasburgo e le rassicurazioni del presidente francese, Emmanuel Macron, non hanno fermato i "gilet gialli" che ieri, sabato, sono tornati a manifestare in diverse città per "l’atto quinto" della protesta. Una mobilitazione che si è parzialmente sgonfiata nei numeri - a Parigi sono scese in strada solo poco più di 2mila persone rispetto alle 10mila del sabato precedente - ma che non ha invece perso nulla in quanto a determinazione. I leader del movimento nato su Internet ribadiscono di non avere alcuna intenzione di accontentarsi delle concessioni di Macron, che in settimana ha annunciato una moratoria sul tanto contestato aumento delle tasse sul carburante nonché una serie di misure per aumentare i salari minimi.
I manifestanti hanno in particolare improvvisato un sit-in con le mani sulla testa, ricordando le immagini degli studenti che una decina di giorni fa, a Mantes-la-Jolie, sono stati obbligati a rimanere a lungo in quella posizione dopo essere stati fermati dalla polizia. Sia nella capitale francese che in altre città si sono nuovamente registrati degli scontri con le forze dell’ordine, che hanno fatto uso di gas lacrimogeni e proceduto a decine di fermi.
Si sono comunque registrati due decessi, che fanno salire a otto il bilancio totale delle vittime dall’inizio della protesta. Una donna di 44 anni è rimasta uccisa in un incidente a nord-est di Parigi. Si trovava in sella alla moto del compagno, che ha fatto inversione di marcia davanti a un blocco stradale dei "gilet gialli". Ma sull’altra corsia arrivava una vettura che li ha travolti. La donna è morta sul colpo. L’altra, è stata vittima di uno scontro in seguito a un rallentamento causato da un altro blocco dei "gilet gialli", in località Erquelinnes, alla frontiera con il Belgio.
Resta ora da capire quale sarà il futuro di una protesta che continua a godere del sostegno di una maggioranza dei francesi. C’è chi ipotizza che i "gilet gialli" potrebbero trasformarsi in partito politico. C’è chi pensa che solo le dimissioni di Macron possano porre fine alle mobilitazioni. Ma c’è anche chi ricorda che le festività natalizie sono imminenti. Potrebbero essere sufficienti per fermare, se non il movimento di protesta popolare, almeno le manifestazioni nelle strade.
16.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur