Due morti durante il quinto sabato di proteste in Francia
Immagini articolo
I gilet gialli non mollano
ma ora sono a un bivio
ANDREA STERN


L’attentato di Strasburgo e le rassicurazioni del presidente francese, Emmanuel Macron, non hanno fermato i "gilet gialli" che ieri, sabato, sono tornati a manifestare in diverse città per "l’atto quinto" della protesta. Una mobilitazione che si è parzialmente sgonfiata nei numeri - a Parigi sono scese in strada solo poco più di 2mila persone rispetto alle 10mila del sabato precedente - ma che non ha invece perso nulla in quanto a determinazione. I leader del movimento nato su Internet ribadiscono di non avere alcuna intenzione di accontentarsi delle concessioni di Macron, che in settimana ha annunciato una moratoria sul tanto contestato aumento delle tasse sul carburante nonché una serie di misure per aumentare i salari minimi.
I manifestanti hanno in particolare improvvisato un sit-in con le mani sulla testa, ricordando le immagini degli studenti che una decina di giorni fa, a Mantes-la-Jolie, sono stati obbligati a rimanere a lungo in quella posizione dopo essere stati fermati dalla polizia. Sia nella capitale francese che in altre città si sono nuovamente registrati degli scontri con le forze dell’ordine, che hanno fatto uso di gas lacrimogeni e proceduto a decine di fermi.
Si sono comunque registrati due decessi, che fanno salire a otto il bilancio totale delle vittime dall’inizio della protesta. Una donna di 44 anni è rimasta uccisa in un incidente a nord-est di Parigi. Si trovava in sella alla moto del compagno, che ha fatto inversione di marcia davanti a un blocco stradale dei "gilet gialli". Ma sull’altra corsia arrivava una vettura che li ha travolti. La donna è morta sul colpo. L’altra, è stata vittima di uno scontro in seguito a un rallentamento causato da un altro blocco dei "gilet gialli", in località Erquelinnes, alla frontiera con il Belgio.
Resta ora da capire quale sarà il futuro di una protesta che continua a godere del sostegno di una maggioranza dei francesi. C’è chi ipotizza che i "gilet gialli" potrebbero trasformarsi in partito politico. C’è chi pensa che solo le dimissioni di Macron possano porre fine alle mobilitazioni. Ma c’è anche chi ricorda che le festività natalizie sono imminenti. Potrebbero essere sufficienti per fermare, se non il movimento di protesta popolare, almeno le manifestazioni nelle strade.
16.12.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00