Migliaia in piazza per sostenere il presidente d'opposizione
Immagini articolo
Scricchiola il sostegno
dei militari a Maduro
R. C.


Da una parte i sostenitori del presidente Nicolas Maduro, dall’altra quelli di Juan Guaidó. Due manifestazioni in un Paese profondamente spaccato e che divide anche la politica internazionale. Ieri, sabato, migliaia di persone sono scese in piazza in diverse città, soprattutto a Caracas. I sostenitori di Guaidó, il capo dell’Assemblea nazionale sostenuto dall’opposizione e che si è proclamato presidente ad interim, hanno chiesto nuove elezioni presidenziali, quelli di Maduro hanno riconfermato la solidarietà al presidente.
Ma intanto proprio Maduro, che ha definito l’avversario un "burattino" di Washington" e che è rimasto in sella grazie al sostegno dell’esercito, vede scricchiolare il fronte a suo favore. Un generale dell’Aeronautica, Francisco Esteban Yanez Rodriguez, ha detto di riconoscere Juan Guaidó come presidente legittimo del Paese. E questo accade mentre dagli Stati Uniti continuano ad arrivare segnali precisi. Il consigliere per la Sicurezza nazionale, John Bolton, ha avvertito Nicolás Maduro - sostenuto da Cina, Messico e Russia - che se non accetterà di lasciare "potrebbe finire a Guantanamo". Il presidente della Bolivia, Evo Morales, si è invece schierato con Maduro: "Esprimiamo il nostro pieno sostegno davanti al colpo di stato". Sempre in questi fine settimana il Gruppo di Lima - 12 Paesi, dell’America del Nord e del Sud - hanno deciso di incontrarsi in Canada per discutere la situazione. Da ricordare che il Parlamento europeo è spaccato e ha approvato una risoluzione non vincolante che riconosce Juan Guaidó presidente.
Intanto le Organizzazioni per i diritti umani hanno tirato un primo, provvisorio bilancio degli scontri. Dal 25 gennaio sarebbero almeno 40 le persone uccise durante le manifestazioni, mentre 939 persone, tra cui 90 minori, sarebbero in carcere.
03.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo