function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Manifestazioni di protesta contro Putin in numerose città
Immagini articolo
Arresti in massa in Russia
fra i sostenitori di Navalny
R.C.


La polizia russa, ieri, sabato, ha arrestato centinaia di sostenitori dell’oppositore Alexei Navalny, il politico e blogger di 44 anni ritornato a Mosca dopo essere guarito dall’avvelenamento subito lo scorso agosto, che è stato attribuito ai servizi segreti di Putin.
Le manifestazioni indette dalla Fondazione anticorruzione proprio a seguito dell’arresto di Navalny - condannato  agli arresti domiciliari per 30 giorni non appena arrivato all’aeroporto lo scorso 17 gennaio - hanno avuto luogo in una ventina di città. Migliaia le persone scese in piazza con slogan: "Libertà per Navalny".
Le autorità avevano promesso una dura repressione e così stanno facendo. Le prime proteste si sono svolte in Estremo Oriente e in Siberia, comprese Vladivostok, Khabarovsk e Chita. Sarebbero diverse migliaia le persone scese in piazza, stando alle dichiarazioni dei sostenitori di Navalny. Un migliaio fra fermi e arresti. Anche in centro a Mosca in Piazza Pushkinskaya numerosi fermi preventivi, anche con metodi pesanti per intimidire i manifestanti, in mattinata ancora non particolarmente numerosi. La piazza Pushkinskaya, nel centro di Mosca e anche le strade limitrofe si sono riempite via via di gente: si stimano almeno 10mila presenti, molto più di quelli (circa 4mila) riferiti dal ministero dell’Interno che ha invitato a restare a casa.
Gli agenti hanno trattenuto dapprima chi aveva in mano cartelli con slogan pro-opposizione come Libertà per i prigionieri politici. Tra le persone fermate, anche la moglie del dissidente, Yulia Navalnaya, e Lyubov Sobol, stretta collaboratrice di Navalny, già arrestata e rilasciata nel corso dell’ultima settimana. Per galvanizzare ulteriormente la popolazione a scendere in piazza, il team di collaboratori di Navalny nei giorni scorsi ha diffuso un’inchiesta su una residenza del presidente russo sul Mar Nero costata 100 miliardi di rubli finanziati a colpi di tangente.
23.01.2021


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Falliti gli obiettivi Onu
su sostenibilità e salute
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Anche la pista siriana
dietro la strage di Beirut
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Armenia,
l’opposizione
in piazza
contro il governo

L’omaggio
dei moscoviti
a Boris
Nemtsov

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00