function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Nuovi sistemi e ideologie di partito a confronto
La retorica dei populisti
uguale alla repubblicana
NENAD STOJANOVIC, POLITOLOGO UNI DI GINEVRA


È interessante leggere lo studio "Varieties of Democracy" anche per paragonare la situazione svizzera con quella degli altri Paesi. Si nota per esempio che la retorica populista dell’Udc non è così distante da quella dei Repubblicani americani, anche se con accenti diversi. L’Udc parla un po’ di più del "popolo", mentre i Repubblicani, e Trump in particolare, hanno una retorica molto più contro le élite. In entrambi i casi è assai pronunciata la mancanza di rispetto per gli avversari politici.
Ma come, concrtamete, riconoscere un politico populista? In generale, la retorica populista contiene almeno uno dei seguenti quattro elementi: fare appello al popolo visto come una massa omogenea, mettere l’accento sulla sovranità popolare, l’anti-elitismo e l’antagonismo fra popolo e élite.
L’esempio di Donald Trump è emblematico. Per esempio, il giorno della sua inaugurazione, il 20 gennaio 2017, ha dichiarato: "Oggi non stiamo semplicemente trasferendo il potere da un governo ad un altro, o da un partito ad un altro. No: stiamo prendendo il potere da Washington, D.C., per restituirlo a voi, il popolo americano". Il titolo del recente libro della politologa italiana Nadia Urbinati, professoressa alla Columbia University – "I, the people" ("Io, il popolo", che richiama ovviamente le celebri, prime parole della Costituzione americana: "We, the people") – riassume bene la pretesa di un leader populista come Trump di essere l’incarnazione stessa del popolo.
Quando Kirk Hawkins – un politologo della Brigham Young University, nello Stato di Utah, che dirige un gruppo di ricercatori che studiano il fenomeno populista – ha analizzato i discorsi di Trump che nella campagna elettorale del 2016, ha trovato una differenza tra i suoi discorsi preparati e le sue osservazioni estemporanee. I discorsi preparati erano infatti esempi classici di populismo, mentre i suoi commenti occasionali lo erano molto meno. Questo ha portato Hawkins e i colleghi a concludere che gli assistenti di Trump, specialmente Steve Bannon, erano più populisti del candidato stesso.
n.s.
07.11.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Falliti gli obiettivi Onu
su sostenibilità e salute
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Anche la pista siriana
dietro la strage di Beirut
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Armenia,
l’opposizione
in piazza
contro il governo

L’omaggio
dei moscoviti
a Boris
Nemtsov

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00