function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Nasce a Napoli il primo museo virtuale sulla gastronomia
Svelati con un clic
i grandi chef stellati
ELISABETTA MORO


La dieta mediterranea va al museo. Succede a Napoli dove venerdì prossimo all’Università Suor Orsola Benincasa verrà inaugurato il primo museo virtuale della dieta mediterranea (www.mediterraneandietvm.com). Dietro il progetto ci sono l’Ateneo napoletano e l’università di Roma Unitelma-Sapienza, finanziate dalla Regione Campania. L’occasione è il nono anniversario del riconoscimento Unesco di questo stile di vita. Ci sono voluti anni di ricerca per arrivare a costruire un insieme di "big data" da utilizzare in diversi settori. Da quello produttivo a quello educativo, dalla salute pubblica al marketing territoriale, dallo storytelling enogastronomico al turismo sostenibile.
I visitatori avranno la possibilità di viaggiare nello spazio e nel tempo.  Stando a casa. Basta un clic per immergersi in un flusso di storie narrate da protagonisti noti e meno noti del mondo agroalimentare e non solo. Da chef stellati come Alfonso Iaccarino a uomini di spettacolo come Ugo Gregoretti e star dell’architettura come Joseph Rykwert. E con un colpetto di mouse, vedere un grande esperto di olio, di pasta, di vino o di pomodoro che vi dice tutto quello che avreste voluto sapere su cultivar, formati, annate, aree di eccellenza. Le virtù della dieta mediterranea vengono raccontate da scienziati di fama mondiale come Jeremiah Stamler, Antonia Trichopoulou, Henry Blackburn, Mario Mancini, Daan Kromhout, Alessandro Menotti e Anna Ferro-Luzzi, tutti allievi e collaboratori di Ancel e Margaret Keys, gli scopritori di questo regime che fa bene alla salute. Tanto da assicurare tassi di longevità diffusa davvero straordinari. A testimoniarlo c’è una nutrita schiera di centenari, intervistati in video dai ricercatori del MedEatResearch, il Centro di ricerche sociali sulla dieta mediterranea diretto dall’antropologo Marino Niola. E poi ci sono le pillole nutrizionali con i consigli di una nutrizionista. Di fatto è un museo in aggiornamento costante per stare al passo con i tempi. Insomma, non solo virtuale ma virtualmente infinito.
10.11.2019


Articoli Correlati
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Cina un Paese-partito
frenato dai suoi leader
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La tranquilla città
del killer fantasma
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

50 anni fa
moriva
Jim Morrison

Tigre:
allarme Onu
sulla carestia

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00