function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il Gruppo educazione alimentare contro gli sprechi
"Per non buttare cibo
partiamo dalla natura"
MAURO SPIGNESI


Mancano solo dieci anni e il conto alla rovescia è già cominciato. Perché la Confederazione è chiamata a ridurre entro il 2030 lo spreco alimentare, sia sul fronte delle famiglie che su quello delle vendite al dettaglio, e a contenere le perdite nelle catene di produzione e di fornitura. Occorrono dunque nuovi e più consapevoli comportamenti individuali ma anche programmi a più ampio raggio. "Noi - spiega Anna Persico, segretaria del Gruppo di educazione ambientale della Svizzera italiana (Geasi) - realizziamo progetti di educazione alimentare all’aperto, a contatto con la natura, proprio perché lo spreco di cibo, dunque di una risorsa, è un problema che va affrontato attraverso la sensibilità di ognuno".
Il Geasi porta avanti un metodo che si basa sul concetto di pedagogia attiva, cioè orientato "all’azione, all’esperienza concreta, all’apprendimento emotivo e alla percezione sensoriale nella natura". Un approccio diverso, più diretto, rispetto a quello della tecnologia. "Ma questo - spiega ancora Anna Persico - non vuol dire che non apprezziamo anche applicazioni che contribuiscono ad arginare questo fenomeno. I loro è semplicemente un altro campo d’azione che tuttavia può, ripeto, essere utile in questa battaglia che ci deve trovare tutti uniti verso un solo obiettivo".
Applicazioni come Too Good To Go, dunque, possono servire. Anche se poi, magari, è importante un approccio più ludico, più diretto come quello del Gruppo di educazione ambientale della Svizzera italiana, associazione che riunisce enti e membri singoli e si pone come piattaforma di scambio di informazioni, esperienze e formazioni legate all’educazione ambientale. Tempo fa il Geasi ha collaborato con il Dipartimento del territorio, l’Associazione dei consumatori e il Wwf per organizzare una giornata di studio e di riflessione sul problema coinvolgendo anche le scuole, in particolare le elementari di Mendrisio.
m.sp.
23.02.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Se il terrore non politico
incide sulle nostre vite
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

I quartieri poveri
di Madrid
non hanno
più luce

Poliziotti violenti
in Francia,
spaccata anche
la maggioranza

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00